Music streaming - ITA

Riepilogo del problema

Questo articolo esplora questioni ambientali legate allo streaming e al download di musica. Sebbene le vendite di vinili e CD siano ancora un inquinante, il recente incemento di servizi digitali online ha spostato la maggior parte dell'impatto ambientale proprio su servizi. La maggior parte dell'articolo è basata sul libro Decomposed: the political ecology of music di Kyle Devine.

Domande proposte

  1. Qual è l'impronta di carbonio della distribuzione di musica tramite streaming e download?

  2. Quali sono le piattaforme più / meno inquinanti? ci sono alternative?

  3. Questo probema viene affrontato nella comunità musicale? Se sì, come?

Informazioni e raccomandazioni

Notes

I CD e i dischi in vinile siano un'ovvia fonte di inquinamento da plastica. Sebbene l'impatto ambientale dei trasferimenti di dati online sia meno evidente, resta comunque significativo. La fruizione di contenuto culturale online ammonta ad almeno il 5% del consumo globale di elettricità (Aslan et al. Citato in Devine 2019). Devine (2019: 157-158) osserva che l'uso di plastica negli Stati Uniti in tutti i formati di registrazione ha raggiunto il picco di 6109600 chilogrammi nel 2000, scendendo a 7845200 chilogrammi nel 2016, mentre le emissioni di carbonio sono aumentate da 157 milioni di chilogrammi nel 2000 a oltre 200 milioni di chilogrammi nel 2016. Questi numeri coincidono con un calo del prezzo di acquisto della musica in quanto il supporto è passato da vinili e CD (supporto solido) al download (senza quindi la necessità di un supporto): un CD era venduto per 21,59 $ nel 2000, mentre un album digitale era venduto per 10,24 $ nel 2014. Attualmete, il settore dei download è stato più o meno superato dai servizi di streaming che offrono streaming illimitato per una cifra approssimativa di 10 $ al mese.

Streaming Services

Quanti dati richiede lo streaming? Le diverse piattaforme hanno qualità di streaming diverse. Ad esempio, Spotify offre seervizi che vanno da 24 kbps (gratuito) e 320 kbps (premium), mentre Apple Music trasmette a 256 kbps. L'utilizzo approssimativo dei dati è il seguente:

  • 24 kbps = 90 MB per ora

  • 256 kbps = 1 GB per ora

  • 320 kbps = 1.2 GB per ora

Per il calcolo delle emissioni di CO2, consigliamo l'articolo sulla videoconferenza in questa wiki. In breve, un GB di dati corrisponde tendenzialmente a 0,015 kWh. In Germania, tale consumo si tradurrebbe in circa 0,0091 kg di CO2e. Si tenga presente che questo conto si applica solo all'impatto ambientale immediato per il consumatore e non per il fornitore di servizi.

Spotify e Apple Music offrono opzioni di download per l'ascolto offline: bastano pochi stream di un album per superare l'utilizzo dei dati dello stesso album scaricato.

Servizi di download

Oltre ai servizi basati sullo streaming, piattaforme come Boomkat offrono download in una varietà di formati. Per quanto riguarda formati di compressione audio senza perdite, il modo meno inquinante sarebbe probabilmente il FLAC poiché significativamente più piccolo del formato WAV. VLC è disponibile come app sia per ios che per Android e riproduce qualsiasi formato audio.

Note generali relative allo streaming e al download

Recenti report suggeriscono che le server farm utilizzate dai singoli servizi di streaming e download hanno un impatto ambientale significativo (Greenpeace 2019). Per una panoramica dei diversi servizi web, suggeriamo l'articolo presente in questa wiki riguardante i servizi di web hosting.

Raccomandazione

È molto difficile pensare ad alternative sostenibili per la distribuzione e il consumo di musica. Un'opzione potrebbe essere ripensare la natura del supporto, dal momento che non siamo più vincolati da vinili, CD o cassette. Un'altra opzione è dare la priorità all'ascolto ripetuto della musica scaricata rispetto allo streaming di molti album diversi. Combinando queste considerazioni, potremmo immaginare un articolo fisico prodotto solo su richiesta per eliminare le scorte. Un tale supporto potrebbe essere fatto di materiali riciclati e includere un codice per il download.

Link esterni e referenze

  • Brennan, M., and Archibald, P. (2019): The economic cost of recorded music: findings, datasets, sources, and methods

  • Devine, Kyle (2019): Decomposed: the political ecology of music. MIT Press

  • Greenpeace (2019): Clicking Clean Virginia: The Dirty Energy Powering Data Center Alley: https://www.greenpeace.org/usa/reports/click-clean-virginia/​

  • University of Glasgow (2019): Music consumption has unintended economic and environmental costs: http://eprints.gla.ac.uk/183249/​

Contributor(s)